Arresti domiciliari: Il braccialetto elettronico

braccialetto e centralina

braccialetto e centralina

Il braccialetto elettronico è previsto con il dispositivo del comma 4 bis dell’art. 47 ter. O.P., e recentemente rinnovato grazie al decreto “svuota-carceri”, nonostante stia prendendo piede su tutto il territorio nazionale, questo modo di scontare la detenzione domiciliare e gli arresti domiciliari ha suscitato parecchie critiche e preoccupazioni.

Il braccialetto (o più spesso cavigliera) è formato sostanzialmente da due “ingredienti”:

1- Il vero e proprio “braccialetto”  è un sensore magnetico che viene indossato dall’indagato/condannato. Non può essere assolutamente levato altrimenti darà l’allarme che sarà sia registrato dalla centralina che mandato immediatamente in centrale.

2- La centralina è un apparecchio elettronico simile ad una grande vecchia sveglia; è impostato avuto riguardo alla metratura dell’appartamento ed alle disposizioni del Tribunale, qualora il braccialetto si allontani dal raggio previsto o qualora vi sia un’anomalia manderà immediatamente l’allarme in centrale.

Il primo scoglio che incontriamo, leggendo la disposizione normativa, sta nell’obbligo da parte delle forze di polizia di giudiziaria, nel momento di applicazione del braccialetto  elettronica, di chiedere il consenso all’indagato/condannato.

Mi sembra doveroso specificare che qualora non ci sia questo consenso, il Tribunale revocherà gli arresti e manderà l’indagato/condannato direttamente in carcere.

Ad avviso dello scrivente è quindi una sorta di paradosso il prevedere in modo bonario l’obbligo di consenso ma poi dare una conseguenza così dura qualora questo consenso non ci sia.

Passando sul piano concreto invece le problematiche di questo strumento si fanno ancora più preoccupanti. Questo perchè la tecnologia, ai giorni d’oggi, è una cosa meravigliosa…quando funziona!

Immaginate (e nel mio lavoro questa non è affatto un immaginazione) la possibilità di varie disfunzioni dell’apparecchio. Immaginate il panico che possa scatenare qualora suoni nel mezzo della notte, anche se il suo “possessore” dorme beato nel letto. Sarebbe onere dell’internato il dimostrare le disfunzioni, e le conseguenze di questi guasti potrebbero essere critici come un indagine per evasione.

Troppe volte ho visto miei clienti versare nel panico per queste disfunzioni, preoccupati per le possibili conseguenze. In questi casi è fondamentale l’assistenza di un avvocato per comunicare in modo formale i vari guasti.

Nonostante in dottrina si continui a dubitare sull’applicazione del braccialetto elettronico negli arresti domiciliari, non essendoci ancora stata sentenza di condanna, viene comunque utilizzato come modo di esecuzione della misura cautelare.

Carlo Chialastri

Arresti domiciliari: Il braccialetto elettronico ultima modifica: 2014-03-15T18:29:33+00:00 da avvocatopenalista
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *