Agli arresti domiciliari è possibile utilizzare Facebook?

facebook_manette_01

Essendo Facebook una piattaforma molto utilizzata in questo periodo, ricevo spesso questa domanda da parte dei miei clienti, giustamente preoccupati dalla possibilità di revoca della misura cautelare.

Sapendo dei limiti di comunicazione che vertono sul destinatario della misura cautelare, quando previsto dall’Ordinanza Dispositiva della Misura Cautelare degli Arresti Domiciliari (mantenere sempre una copia perchè lì ci sono scritti i vari obblighi e permessi a cui un internato è soggetto) resta da capire se Facebook possa essere inteso o meno come mezzo di comunicazione oggetto del divieto.

A togliere ogni sorta di dubbio, si è infine, purtroppo per molti, espressa  la Corte di Cassazione con sentenza n. 37151 del 2010. Riporto parte delle motivazioni:

“La moderna tecnologia consente oggi un agevole scambio di informazioni anche con mezzi diversi dalla parola, tramite web e anche tale trasmissione di informazioni deve ritenersi ricompresa nel concetto di comunicazione, pur se non espressamente vietata dal giudice, dovendo ritenersi previsto nel generico ‘divieto di comunicare’ il divieto non solo di parlare direttamente, ma anche di comunicare attraverso altri strumenti, compresi quelli informatici, sia in forma verbale che scritta o con qualsiasi altra modalità che ponga in contatto l’indagato con terzi”.

Si è quindi espressa confermando le preoccupazioni dei più: agli arresti domiciliari non è quindi possibile comunicare tramite Facebook. Ciò comporterebbe la revoca degli arresti domiciliari con conseguente spostamento in carcere!

Naturalmente tutto ciò andrebbe accertato e non presunto dalla Polizia Giudiziara; risulterebbe quindi poco praticabile nonchè troppo dispendioso tale accertamento.

Nel prossimo articolo affronterò una aspetto più teorico della questione, ovvero fino a che punto può arrivare questo divieto.

Carlo Chialastri

Agli arresti domiciliari è possibile utilizzare Facebook? ultima modifica: 2014-03-05T15:40:04+00:00 da avvocatopenalista
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *